Alec Bradley Post Embargo Gordo – Fuma con Noi!


alec-bradley
PREZZO: 9,80 Euro  Durata fumata: 90 minuti Valut.: 

SCHEDA TECNICA:

  • Marca: ALEC BRADLEY
  • Vitola: Post Embargo Gordo
  • Paese di produzione: Honduras
  • Manifattura:   A Mano – Tripa Larga
  • Dimensioni: 152×60
  • Capa(wrapper) – Capote(binder) – Tripa(filler): Honduras – Nicaragua, Honduras – Nicaragua, Honduras

Post Embargo
Alec Bradley è decisamente un produttore che ha fatto dell’innovazione il suo cavallo di battaglia. Introducendo questa nuova linea Alan Rubin decide di stigmatizzare, e lo fa agevolmente, lo spauracchio dell’embargo. I sigari sono prodotti dalla fabbrica honduregna Raices Cubana, utilizzando tabacchi nicaraguensi ed honduregni, presenti nel ripieno e nella doppia sottofascia. Per la fascia è stata usata una foglia honduregna di un luminoso colorado maduro, che arricchisce l’elegante paletta aromatica dei sigari. Sigari di forza media, che confermano la qualità della Marca. 

dal sito

La Alec Bradley ha un solo obiettivo: donare agli appassionati del sigaro un’esperienza indimenticabile (cit.), e devo riconoscere che i primi Black Market mi hanno davvero colpito, si trattava di sigari ben costruiti e che avevano una evoluzione ed equilibrio che ricordo con grande piacere, ora li fumo meno, devo riprendere…

Mi trovo ad affrontare una fumata piu degustativa, ovviamente con i miei basici superpoteri, dopo tanto tempo, dove il gusto di fumare e fare altro ha avuto la meglio.

Iniziamo dal nome, che e’ un chiaro riferimento all’uscita da Cuba dall’Embargo, chissa’ se uno sfotto’ o meno nei confronti dei sigari dalla grande Isola, il messaggio e’ pero’ chiaro per il mercato USA: i sigari extra sono uguali o migliori dei cubani, AMEN.

Una linea molto particolare, che prevede quattro vitole, ma per noi italiani solo due, i migliori? chi lo sa, anzi qualcuno si…speriamo.

Dopo il nome, la scatola, davvero bella, in effetti la AB si è sempre mostrata un gradino sopra tutti relativamente al packaging, questa foto in basso è riportata all’interno e rappresenta due signorine che si salutano affettuosamente con in mano la loro bandiera, chissà con questi nuovi arrivi alla Casa Bianca come evolverà la cosa.

 

 

Andiamo a parlare un pò del sigaro, senza però dimenticare la anilla, che non sarà il massimo dell’eleganza per dimensioni e quantità di colori, ma è davvero molto bella e caratteristica, riporta le due bandiere e il nome del sigaro, davvero simpatica.

Il sigaro è leggermente box pressed, si presenta con una bella capa tirata a lucido, colorado maduro, il riempimento, come per tutti gli AB è generoso, quasi a far sembrare serrato il sigaro, che invece si dimostrerà perfetto in fumata. Venature appena visibili sia ad occhio che al polpastrello.

A crudo lontani sentori di fave di cacao e qualche erba aromatica non meglio identificata, comunque aromi interessanti e presenti.

   

Lo accendo con un taglio con ghigliottina, il braciere si forma senza problemi, molto rapidamente, non resta che iniziare a fumare.

Gli aromi ai primi puff sono terrosi e di frutta secca, sembra di essere entrati in un bosco, ma dopo poco il cacao a crudo viene fuori insieme a qualche presenza di caramello, questa dolcezza viene puntellata da qualche sprazzo amarognolo che dona rotondità ai puff fatti.

Complesso recuperare questi sentori l’uno dentro l’altro, spero di non aver sentito cose inesistenti, ma l’esperienza del fumo lento non è anche mistero?

Combustione regolare, una piccola correzione a metà ma cosa irrisoria, e la cenere risulta abbastanza friabile e di un grigio scuro.

Forza media per tutta la fumata. Sigaro interessante per il vortice di sentori che si mixano tra loro, rendendo il gioco della percezione divertente e mai monotono.

Lo preferisco alla linea Mundial di cui parleremo, ma come sempre non fidatevi del sottoscritto, e non sparate sul pianista.

 


Le immagini e i marchi sono dei legittimi proprietari. Non si intende sponsorizzare alcuna casa produttrice ed alcun marchio.
Si ricorda inoltre che secondo l’articolo 46 L.29/12/1990 il fumo nuoce gravemente alla salute.
Condividi...Share on Facebook22Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0

Massimiliano R.

Informazioni su Massimiliano R.

Fumo dal 2001, non sono un esperto, ho un palato d'amianto. Ho attraversato molte fasi da fumatore lento, c'e' sempre qualcosa da scoprire, non bisogna fermarsi alle convinzioni altrui ma crearne di proprie, sempre pronti a cambiare idea pero'.

Rispondi