Nostrano del Brenta – Il doge-Fuma con noi! 6


download Italy_flag
PREZZO: 4 Euro  Durata fumata:  45/50 minuti Valut.: 85/100

Image-1

Ieri ho fumato per la prima volta dei sigari Consorzio Tabacchicoltori Monte Grappa, consorzio di cui abbiamo pubblicato l’intervista sulle nostre pagine qualche giorno fa, con protagonista della stessa Massimo Zerbo. Qui l’intervista.

Iniziamo con il dire che anche se è un sigaro prodotto in Italia non è presente in tutte le tabaccherie come i classici Toscani, e non è stato facile reperirlo, ma con un pò di insistenza si riesce ad ottenerlo.

La scatola è costituita da tre pezzi, al costo di 12 euro, e devo subito dire che le aspettative (nel senso di ciò che mi aspettavo) sono state completamente capovolte.

Non si tratta di una versione “diversa” del toscano, è un sigaro che si avvicina molto di più a sigari caraibici, è fatto totalmente a mano dal seme Habano importato secoli fa e inserito nel contesto Veneto, e quindi coltivato interamente in Italia.

Esteticamente per la forma può ricordare un toscano, ma si nota l’hand made, la cura nel chiudere il tutto, e la foglia della fascia risulta molto curata. Il riempimento sembra corretto, senza eccessi. Il profumo è lieve, e non caratterizzato come per i toscani, proprio ad evidenziare la sostanziale differenza.

L’ho fumato alla maremmana, per cui come ci si poteva aspettare il tiraggio inizialmente può apparire un pò chiuso ma comunque mai complicato, anzi anche da subito c’è una dolcezza che avvolge tutto il palato.  Andando avanti con la fumata e quindi raggiungendo la pancia la fumata diviene naturalmente più corposa, ma continua a risultare dolce, con aromi di frutta secca mista a legno.

Il braciere procede senza complicazioni, continua ad emanare un gusto dolce, e un profumo gradevole, quasi da “mangiare”.

IMG_1060Bisogna approcciarsi alla “caraibica” senza dubbio, il toscano non è questo e soprattutto non vuole esserlo.

La forza non è una sua prerogativa, rimane media e costante per tutta la fumata, forse solo i primi centimetri risultano leggerissimi, ma per palati veramente fini, infatti il mio lo ha avvertito pochissimo :-).

Un prodotto italiano da sottolineare nel panorama dei prodotti italiani, per il costo, secondo me, può essere anche competitivo con alcuni prodotti oltreoceano.

Una alternativa validissima, che potrebbe anche non divenire una alternativa, ma una scelta primaria.

Insomma una vera piacevolissima sorpresa.

PS: Ricordo che deve essere conservato in humidor con come una caraibico.

IMG_1057


Massimiliano R.

Informazioni su Massimiliano R.

Fumo dal 2001, non sono un esperto, ho un palato d'amianto. Ho attraversato molte fasi da fumatore lento, c'e' sempre qualcosa da scoprire, non bisogna fermarsi alle convinzioni altrui ma crearne di proprie, sempre pronti a cambiare idea pero'.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

6 commenti su “Nostrano del Brenta – Il doge-Fuma con noi!