Arturo Fuente Gran Reserva N.4 – Fuma con Noi!


Arturo Fuente bandieraRepDomenicano logo_lubinski
PREZZO: 7.50 Euro  Durata fumata:  65  minuti Valut.: 

file_0051

Scheda Tecnica:

  • Marca: ARTURO FUENTE
  • Vitola: Gran Reserva N. 4
  • Paese di produzione: Rep Dominicana
  • Manifattura:   A Mano – Tripa Larga
  • Dimensioni: 140×43
  • Capa(wrapper) – Capote(binder) – Tripa(filler):  Ecuador, Cameroon, Conn. Broadleaf – Rep. Dominicana – Rep. Dominicana 

 

La storia della Tabacalera A. Fuente y Cia., più che una semplice evoluzione aziendale, appare come un’epopea dinastica. Dai primi ‘900 in Cuba fino a Tampa in Florida, poi dal Nicaragua all’Honduras fino alla definitiva localizzazione del 1981 nella Repubblica Dominicana; tre generazioni hanno lottato con il cuore tra i denti inseguendo il miraggio, conseguito in competizione con le multinazionali, di realizzare con le sole forze della Famiglia la miglior “tabacalera” concepibile. Oggi produce oltre 40 milioni di sigari l’anno, metà con il proprio e metà con altri marchi tutti di successo, in quattro fabbriche ed in una stazione di cura delle foglie. Il maggior orgoglio è stato la realizzazione del sogno, apparentemente irraggiungibile, di un premium “puro” interamente realizzato con tabacco dominicano: il Fuente Fuente Opus X che risulta ripetutamente ai vertici mondiali delle classifiche di Cigar Aficionado. In una famosa intervista di Carlos Fuente Jr., realizzata da Marvin R. Shanken di Cigar Aficionado nel 1998, la parola “cuore” ricorre più spesso d’ogni altra. Più che l’ambizione, sono stati appunto cuore, passione, fede ed orgoglio a sostenere la Famiglia per un secolo fino al raggiungimento della vetta; non avrebbe potuto essere altrimenti se Carlos Jr. dichiara testualmente: prima Dio poi i sigari poi la famiglia poi (buoni ultimi) i clienti.
L’emotività domina questa storia aziendale, tanto da aver denominato un prodotto “Flor Fina 8-5-8” solo perché il nonno era mancato a 85 anni; o di mantenere depositari delle segrete miscele, anche risalenti al periodo cubano, solo tre membri della famiglia; o ancora di lesinare la distribuzione del prodotto perché la stagionatura e le rifermentazioni “pretendono molta pazienza”. Un mondo, fuori del nostro mondo, dove la frenesia è sconosciuta. Risulta quindi legittimo e ben appropriato il motto aziendale: We will never rush the hands of time.
Della Tabacalera A. Fuente y Cia., che abbiamo l’orgoglio di proporre in Italia, presentiamo 10 moduli della linea Gran Reserva, 4 della Reserva Superior Limitada, 2 della Hemingway, oltre a 12 esemplari Fuente Fuente Opus X la cui disponibilità sarà tradizionalmente aleatoria.
Il marchio Arturo Fuente ha conseguito il Cigar Trophy 2005 della rivista The European Cigar Cult Journal.

dal sito Lubinski C&T

file_000
file_0011 file_003
file_004 file_002

Ho avuto il piacere qualche sera fa di fumare una vera prelibatezza di Arturo Fuente grazie ad un amico che me ne ha fatto gentilmente dono (Antonio, mi metti sempre in difficolta’…), prima di parlarvi di questa esperienza tocca pero’ ad un fratello minore, anche se si tratta di un Gran Reserva… il nome dovrebbe incutere rispetto.

Buono il riempimento, una piccola ammaccatura sul piede lo fa apparire quasi un formato “prensado”, ma solo colpa mia.

Si tratta di un sigaro i cui esemplari conservo da un po’ di tempo, la capa risulta di un bel colorado/colorado claro, tesa, uniforme, sottile e con venature al tatto davvero impercettibili, appare quasi lucente.

Gli aromi a crudo sono fievoli ma soavi, legno e spezie per lo piu’.

file_001 file_0021
file_0031 file_0041
file_0061 file_005
file_0051 file_008
file_0071

Una volta acceso,  il braciere si forma senza problemi, appare da subito ben costruito, infatti si consumera’ in modo regolare senza nessun intervento da parte della fiamma successivamente all’accensione.

Gli aromi avvertiti a crudo non vengono confermati, ma profumi di terra misto a pelle la fanno da padrone.

Il palato e’ leggermente addolcito ad ogni puff, le boccate risultano leggermente serrate, un po’ di massaggi all’altezza dell’anilla facilitano la fumata.

Con il proseguire della fumata la dolcezza lascia spazio ad una leggera piccantezza che solletica il palato, senza pero’ mai abbandonare del tutto la scena.

La cenere non appare molto bella, alternanze nere e grigie restano sul braciere, esteticamente non proprio gradevole, ma poco c’entra con la fumata.

Non e’ proprio un sigaro che posso dire tra le mie corde, ma per un Fuente il prezzo e’ bilanciato, si lascia fumare, forza contenuta, e piacevole persistenza.

 


Le immagini e i marchi sono dei legittimi proprietari. Non si intende sponsorizzare alcuna casa produttrice ed alcun marchio.
Si ricorda inoltre che secondo l’articolo 46 L.29/12/1990 il fumo nuoce gravemente alla salute.

Massimiliano R.

Informazioni su Massimiliano R.

Fumo dal 2001, non sono un esperto, ho un palato d'amianto. Ho attraversato molte fasi da fumatore lento, c'e' sempre qualcosa da scoprire, non bisogna fermarsi alle convinzioni altrui ma crearne di proprie, sempre pronti a cambiare idea pero'.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.