Davidoff YEAR OF THE ROOSTER – Anno del Gallo Limited Edition 2017 – Fuma con noi!


PREZZO: 35,00 Euro  Durata fumata: 90 minuti Valut.: 

Scheda Tecnica:

  • Marca: DAVIDOFF
  • Vitola: Double Figurado – YEAR OF THE ROOSTER – Anno del Gallo Limited Edition 2017
  • Paese di produzione:  Rep. Dominicana
  • Manifattura:   A Mano – Tripa Larga
  • Dimensioni: 171X50
  • Capa(wrapper) – Capote(binder) – Tripa(filler): Ecuador Habano – Rep. Dominicana – Rep. Dominicana

Alla vigilia del lancio della nuova edizione limitata di Davidoff, oggi scrivo della edizione limitata del 2017.

Un dopocena davvero interessante quello che mi si e’ prospettato qualche tempo fa. Cena con alcuni amici con le rispettive compagne e omaggio serale di un sigaro edizione limitata di Davidoff.

Anche in questo caso, il ricordo del gesto, della serata e dell’atmosfera impediscono una degustazione asettica del sigaro, l’effetto placebo, che sempre e’ presente secondo il mio modestissimo parere, si fa sentire ancora oggi a distanza di tempo rispetto alla rilettura dei miei appunti.

Quindi per prima cosa grazie all’amico che me lo ha donato, e grazie agli amici presenti quella serata, davvero da ricordare.

Nell’anno appena concluso, il 2017, Davidoff ha presentato seguendo il calendario cinese, la sua versione dell’anno del Gallo, con la produzione di una edizione limitata.

Doppia anilla dal colore rosso, come la scatola, con scritte in oro, che dovrebbe auspicare ricchezza, il formato e’ un Diadema Finas, Double Figurado quindi, davvero maestoso, dalla costruzione perfetta, e dall’aspetto davvero suadente.

Sono stati prodotti 8.000 box da 10 sigari (totale 80.000 sigari) , e insieme al sigaro sono stati prodotti anche degli accessori a tema.

Unto e grasso al punto giusto, aromi a crudo non eccessivi ma presenti, con una nota erbacea e terrosa.

Sfortunatamente per i 4 esemplari fumati, ci sono state esperienze differenti.

Come gia’ detto la costruzione risulta davvero notevole, tutti perfettamente chiusi, tutti hanno bruciato con regolarita’ estrema, nessun intervento di correzione se non per qualche distrazione data dalla chiacchiera.

Pero’, c’e’ un pero’.

Un esemplare e’ risultato davvero notevolissimo, con una evoluzione decisa, aromi importanti e netti, forza crescente. Un altro e’ risultato davvero anonimo, tanto da non riuscire nemmeno a terminarlo, due si sono attestati a meta’ tra le due esperienze, con dei picchi degni di nota e dei flessi di semplicita’ estrema.

E’ chiaro che eravamo 4 fumatori differenti, tutti pero’ abbiamo testato il sigaro superlativo riscontrando una netta differenza dal proprio.

Il mio era uno dei medi, con un inizio con crescita graduale di forza, aromi semplici ma distinguibili, erba aromatica e terra, qualche virata verso una dolcezza caramellata, per poi attestarsi di nuovi sugli aromi iniziali.

Insomma, come avete letto non si tratta di un articolo tecnico, come non lo sono mai le mie fumate, sono sensazioni ricevute dal sigaro, o in questo caso da sigari fumati da persone di cui mi fido circa il “capire” un sigaro, che poi capire… chi puo’ dire di capirci davvero?

Vale la pena? se lo dovessi acquistare ci penserei, per collezionismo sicuramente, certo provarlo non mi e’ dispiaciuto per nulla.

 


Le immagini e i marchi sono dei legittimi proprietari. Non si intende sponsorizzare alcuna casa produttrice ed alcun marchio.
Si ricorda inoltre che secondo l’articolo 46 L.29/12/1990 il fumo nuoce gravemente alla salute.

Massimiliano R.

Informazioni su Massimiliano R.

Fumo dal 2001, non sono un esperto, ho un palato d'amianto. Ho attraversato molte fasi da fumatore lento, c'e' sempre qualcosa da scoprire, non bisogna fermarsi alle convinzioni altrui ma crearne di proprie, sempre pronti a cambiare idea pero'.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.