Email da un estimatore


Email da un estimatore.

Nei giorni scorsi, tramite Massimiliano, ho ricevuto una splendida email da un amico fumatore, riguardante un articolo che scrissi tempo fa sulle fumatrici di sigari. Ringrazio Marco, fautore delle deliziose parole: in un mondo come il nostro ci vorrebbero più estimatori del “viver di piaceri”.

La fumatrice di sigari resta e resterà sempre, ahimè, unica nel suo genere (vale anche per gli uomini), pur non negando la nocività del fumo ed i suoi effetti, si scorge nel fumo lento una spiccata attitudine dell’uomo a godersi la vita, apprezzare piccoli piaceri, quali piccole puffate. Alla base del fumo “consapevole” vi è una modellazione di uno stile di vita atto a soddisfare questi piaceri, che qualcuno definirebbe “carnali”, in modo sbagliato: dovremmo imparare a trascendere, andare oltre a questo modo di vedere. Secondo un punto di vista più comune tutti i fumatori lenti sono solo portatori di cattivi odori, ma siamo anche altro: noi scegliamo, studiamo, abbiniamo e collezioniamo manufatti, fino ad esternare chi siamo. La donna, maggiormente, si scontra con una società spesso bigotta, che non accetta una fumatrice lenta, la vede come “sbagliata”, perché il vulgo teme il cambiamento, teme una figura femminile emancipata, che possa “sembrare” mascolina e di carattere, che entra prepotentemente in un mondo dominato dagli uomini: proviamo repulsione e paura per qualcosa che non ci appartiene e che non conosciamo.  Questo discorso è molto più ampio ed applicabile ai campi dello scibile umano definiti “maschili”: per abbattere le barriere dovremmo essere prima noi donne ad espandere la nostra femminilità in questi campi, senza nasconderci sotto falsi pregiudizi.

Un giorno ci saranno più estimatori di donne fumatrici ed emancipate intellettualmente, che non si chiuderanno in schemi e dogmi inutili, per ora impareremo a farci rispettare.

…che siano boccate di pipa o sigaro, auguro buone fumate a chiunque se le sappia godere ed un bacio al mio nuovo amico Marco.

Lady M


Le immagini e i marchi sono dei legittimi proprietari. Non si intende sponsorizzare alcuna casa produttrice ed alcun marchio.
Si ricorda inoltre che secondo l’articolo 46 L.29/12/1990 il fumo nuoce gravemente alla salute.

Informazioni su Federica D'Angelo

Mi chiamo Federica sono una studentessa di Ingegneria Meccanica ed una Pin up (Miss Pin up curvy 2016), in arte “Lady_M”. Vi chiederete il perché di questo nome: esso risale a circa un anno fa, quando fumai il mio primo cubano, un Montecristo no. 4, e nell’accenderlo, male, una ciocca di capelli prese fuoco e mi ritrovai con un’insolita frangetta! Le Pin up hanno un legame stretto con il mondo del fumo lento, infatti, la mia eroina “Dita Von Teese” suole rilassarsi, tra uno spettacolo e l’altro di Burlesque, con un buon avana.

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.