L’egemonia del branco


Cigarclub o un gruppo di amici che fumano un sigaro, cosa si nasconde dietro a queste dinamiche sociali?

“L’uomo è per natura un animale politico e sociale”, deve interagire con gli altri membri della sua specie, per costruire, migliorarsi, evolvere e crescere: i fumatori, perché umani, tendono ad aggregarsi a creare amicizie e legami. Un “club”, inteso come gruppo di fumatori, nasce dal bisogno del singolo individuo di trovare suoi simili e scambiare idee, ma all’interno del gruppo il singolo perde la sua individualità, l’io diventa il noi e il bisogno isolato diventa necessità collettiva. Lo spazio individuale penetra in quello collettivo e viceversa: dove finisce il noi e dove inizia l’io? Davvero la necessità del gruppo rispecchia quella della singola persona?

Credo che di base ci spingiamo verso l’unione come fumatori liberi, ci esprimiamo come entità singole e come tali interagiamo per affermare il nostro posto nel gruppo, un poco come a scuola sceglievamo il posto in aula, siamo noi stessi il gruppo. Scegliamo il club che maggiormente ci rispecchia, i membri sono simili a noi, non sempre per la scelta del sigaro da fumare o per il tabacco e lo shape della pipa, ma per ideali e modi di fare.

All’interno di un gruppo vi sarà un leader (o più di uno), qualcuno da seguire, il nostro modello: costui può essere il più saggio, il più dotto o il più carismatico, oppure, avere tutte le precedenti caratteristiche. Il leader incarna lo stesso gruppo, parla del club come di se stesso, spesso ne è fondatore anche (nei club più recenti), è orgoglioso del suo posto, di cosa rappresenta e degli altri individui. I cigarclub e i pipa club nascono dal fumo lento, ma ogni individuo porta la sua storia e la trasmette agli altri: quando fumiamo in compagnia spesso parliamo d’altro, a volte il tabacco non viene neanche preso in considerazione, se non in modo superficiale.

In un gruppo di fumatori, a volte, il leader non solo riconosce la sua influenza, ma cambia il suo ruolo: non è parte “indiscriminata” del gruppo, non parla per i singoli individui, diventa capo. Il capo non è colui che rispecchia più le singole necessità, ma espone solo i suoi bisogni, il singolo viene annichilito e la voce del gruppo diventa solo la sua: lo spazio individuale non costruisce più quello comune, fino a fondersi con esso. Nasce in questo modo il branco che viene condotto ed indottrinato, il capo si esprime per se stesso e per i suoi bisogni, sotto forma del noi: il fumo diventa un “ipse dixit”, la libertà manca. Il branco è chiuso, non accetta critiche e non si mette in discussione la sua egemonia, vince chi è più forte.

Questo articolo non è una denuncia verso i gruppi che fumano una sola tipologia di sigari e che si aggregano per questo, ma nasce dal bisogno di svegliare coloro i quali parlano per voce d’altri: “mi hanno detto che questo sigaro è buono, allora lo è anche per me”, ”fumo questo sigaro, anche se non mi piace molto, perché lo fumano gli altri”… non è così, bisogna conservare le proprie idee! Vi sono gruppi che sembrano liberi e non lo sono, dove un singolo fumatore (troppo spesso) ha paura di esprimere un suo parere, per non essere sbranato dal branco. La libertà di espressione è alla base dell’armonia del gruppo stesso. I gruppi “branco” di questo tipo si contano sulle dita di una mano, fortunatamente, negli altri vige la democrazia e condivisione.

Lady M


Le immagini e i marchi sono dei legittimi proprietari. Non si intende sponsorizzare alcuna casa produttrice ed alcun marchio.
Si ricorda inoltre che secondo l’articolo 46 L.29/12/1990 il fumo nuoce gravemente alla salute.

Informazioni su Federica D'Angelo

Mi chiamo Federica sono una studentessa di Ingegneria Meccanica ed una Pin up (Miss Pin up curvy 2016), in arte “Lady_M”. Vi chiederete il perché di questo nome: esso risale a circa un anno fa, quando fumai il mio primo cubano, un Montecristo no. 4, e nell’accenderlo, male, una ciocca di capelli prese fuoco e mi ritrovai con un’insolita frangetta! Le Pin up hanno un legame stretto con il mondo del fumo lento, infatti, la mia eroina “Dita Von Teese” suole rilassarsi, tra uno spettacolo e l’altro di Burlesque, con un buon avana.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.