L’uomo che vorrei… siate meno voi stessi e più fumo lento!


L’uomo che vorrei… siate meno voi stessi e più fumo lento!

Miei cari fumatori e carissime fumatrici, credo che, anche voi come me, siate alla ricerca del l’anima gemella (o l’avete già trovata), ma diciamo il vero, ormai c’è tantissima concorrenza, nel mio caso, di ottime foglie di tabacco. Alcuni giorni fa, mi fu posta una domanda, per me ostile direi: come dovrebbe essere il tu uomo ideale?

La risposta è stata più che ovvia! Da dove cominciare…

Lo vorrei con l’anima dolce e forte, di quel sigaro dark, che racchiude la potenza del tabacco criollo maduro, proveniente dal Messico e dall’Honduras. Vorrei avesse l’eleganza di quel sigaro, di cui lo stesso Fidel ne fu promotore, e la freschezza dei suoi compatrioti di Vuelta Abajo e di Calle de la Industria. Vorrei fosse romantico e sorprendente come quei sigari che provengono dal Nicaragua e dalla Repubblica Dominicana. Vorrei avesse l’irruenza e la tenacia di quei sigari di Kentucky, rudi e spigolosi, a tratti tannici o erbacei, ma egualmente raffinati come i caraibici.

 Un sigaro si presenta sempre nella sua unica natura, ha molteplici aspetti che si rivelano lentamente (ah il mistero!)… non tradisce, inganna, se lo maltrattiamo, con la famosa botta di nicotina, diventando amaro, oppure, spegnendosi o se sbagliamo a valutare la sua forza!

Ora ditemi cari miei, ma davvero potete competere con un sigaro? Io non credo, quindi, non datemi della folle, se preferisco il fumo lento alla vostra compagnia, miei cari uomini!

Adattatevi, siate meno voi stessi e più sigaro …meglio premium!

 

Lady_M

 


Le immagini e i marchi sono dei legittimi proprietari. Non si intende sponsorizzare alcuna casa produttrice ed alcun marchio.
Si ricorda inoltre che secondo l’articolo 46 L.29/12/1990 il fumo nuoce gravemente alla salute.
Condividi...Share on Facebook31Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0

Informazioni su Federica D'Angelo

Mi chiamo Federica sono una studentessa di Ingegneria Meccanica ed una Pin up (Miss Pin up curvy 2016), in arte “Lady_M”. Vi chiederete il perché di questo nome: esso risale a circa un anno fa, quando fumai il mio primo cubano, un Montecristo no. 4, e nell’accenderlo, male, una ciocca di capelli prese fuoco e mi ritrovai con un’insolita frangetta! Le Pin up hanno un legame stretto con il mondo del fumo lento, infatti, la mia eroina “Dita Von Teese” suole rilassarsi, tra uno spettacolo e l’altro di Burlesque, con un buon avana.

Rispondi