La pipa e il freddo


La pipa e il freddo.

La legna arde lentamente, mentre, piccole scintille esplodono qui e lì, in un camino che riscalda la casa ed un poco anche il cuore. Il gelido freddo, come uno spillo sottile, cerca di entrare pungente da quei piccoli spifferi della finestra, la neve scende lentamente e bruciare del tabacco può risollevare l’animo.

Il clima, dicono sia poco favorevole ai sigari caraibici, pretende qualcosa di meno “esigente”, che soffra meno, come uno scorbutico Kentucky o il sottile fumo proveniente dal fornello. Scegliere di condividere questi attimi di tenerezza e solitudine diventa quasi un obbligo: prendere una pipa, caricare del tabacco e fumare con un amico, fa nascere nuovi germogli, qualcosa si erge ,timidamente, dall’oblio, portando la luce. Condividere i gesti di un lento fumatore è per me una delizia: manciate di tabacco scendono nel fornello, la fiamma lambisce lentamente il tabacco, che si accende e si espande, quasi come a voler dire “sono pronto ad aprirmi a te, con i miei aromi e le mie fragranze”. Il fumatore di pipa, più filosofo che uomo, spinge il pigino delicatamente nel fornello, alternando questo gesto a soavi boccate: diffonde fumo come saggezza. Disquisire di infiniti mondi, di come l’amore possa generare la vita e di come siamo “ciechi e sordi” davanti al cambiamento, fa espandere gli orizzonti della mia mente, come il tabacco appena acceso, e mi lascia lì a riflettere, incredula come una bambina dinnanzi all’ignoto.

Alla fine della fumata, quando nel fornello resta solo cenere, sono consapevole di quello che il fumo lento crea: amicizia e riflessione… e mi accorgo, che un uomo con la pipa è saggio, anche se ti parla di cioccolata calda!

Lady M


Le immagini e i marchi sono dei legittimi proprietari. Non si intende sponsorizzare alcuna casa produttrice ed alcun marchio.
Si ricorda inoltre che secondo l’articolo 46 L.29/12/1990 il fumo nuoce gravemente alla salute.

Informazioni su Federica D'Angelo

Mi chiamo Federica sono una studentessa di Ingegneria Meccanica ed una Pin up (Miss Pin up curvy 2016), in arte “Lady_M”. Vi chiederete il perché di questo nome: esso risale a circa un anno fa, quando fumai il mio primo cubano, un Montecristo no. 4, e nell’accenderlo, male, una ciocca di capelli prese fuoco e mi ritrovai con un’insolita frangetta! Le Pin up hanno un legame stretto con il mondo del fumo lento, infatti, la mia eroina “Dita Von Teese” suole rilassarsi, tra uno spettacolo e l’altro di Burlesque, con un buon avana.

Rispondi