Toscano Originale Millesimato – Fuma con noi!


   
PREZZO: 6,00 Euro (18 Euro conf. 3)  Durata fumata: 70 minuti Valut.: 

 

Scheda Tecnica:

  • Marca: MST Toscano Originale
  • Vitola: Millesimato
  • Paese di produzione: Italia
  • Manifattura:   A Mano 
  • Dimensioni: 120×50
  • Forma: Bitroncoconica
  • Ripieno : Kentucky nazionale e nordamericano
  • Fascia: Kentucky nordamericano

Dopo un bel po’ di tempo dalla sua uscita ufficiale, come faccio di solito, parlo oggi dell’Originale Millesimato di MST, edizione limitata 2017, con un chiaro riferimento all’enologia, cosa sempre piu’ frequente.

Pagine e pagine gia’ si sono scritte sul sigaro in questione, provo a dire anche io la mia a chi puo’ interessare.

La moda del momento e’ sparare a zero su MST, se non si fa cosi’ si e’ fuori dal coro, per cui mi raccomando tutti in fila.

Qualche info generale che quasi tutti i fumatori esperti gia’ conoscono. E’ un sigaro fatto a mano, millesimato, a indicare che tutto il tabacco fa parte di una unica annata, in questo caso il 2015, fascia di Kentucky del nord America mentre il ripieno rifermentato (seconda fermentazione) con vino rosso di Montalcino, italiano e nord americano.

In una confezione che ha un suo perche’, soprattutto per chi colleziona tutte queste edizione particolari, e’ in legno e contiene i tre sigari, chiusi in cellophane singolarmente, il coperchio ricorda l’esterno di una botte, sempre in riferimento al vino, bloccata al corpo della scatola attraverso delle calamite. Qualcuno a fatto notare che i colori della fascia dei sigari in scatola non sempre sono similari, le quattro scatole in mio possesso non avevano questo “difetto” se cosi’ si puo’ definire non trattandosi di un sigaro caraibico.

Aprendo il cellophane il sigaro si presenta in una tonalita’ piu’ scura del classico tonaca di frate, riempito in modo corposo, ruvido come dovrebbe essere un buon Toscano.

Qualche nota da riportare anche sulla fascetta, molto elegante a parer mio, nera con le scritte in rilievo che riportano il nome del sigaro e il logo MST.

A crudo pelle, legno, affumicatura e terra, un classico che pero’ fa ben sperare perche’ intensita’ non lieve ma decisa, il tiraggio sembra buono, con una giusta opposizione al puff. Da notare che a crudo non si avvertono odori che riportano al contatto con il vino, e’ una nota positiva? negativa? non saprei.

Una volta acceso la partenza e’ piuttosto amara con una discreta salinita’, ma l’amaro viene presto soppiantato da una sensazione opposta di dolcezza.

Il sentore del legno rimane molto marcato, un leggero piccante si avverte anche proseguendo nella fumata insieme ad una nota leggermente fruttata che continua ad aumentare consumando il sigaro, sara’ quello il vino?

Equilibrato, con una forza media che non “copre” il sigaro.

Il braciere non si comporta benissimo, necessita di molte correzioni, che non influiscono sulla fumata se non nel dover utilizzare spesso l’accendino, le noti dolci sono davvero molto presenti dalla meta’ in poi.

Insomma un bel prodotto per chi non ricerca il classico Toscano, una discreta parentesi, che in termini di analisi del puro tabacco risulta felice.

Il costo non e’ da sottovalutare, si colloca in una fascia molto alta per la tipologia di sigaro, ne vale la pena? a mio parere e’ da fumare, provare e riprovare per capire se nelle proprie corde, a me personalmente piace, ma e’ noto che io non capisca nulla di tabacchi pregiati e condizionamento.

 

 


Le immagini e i marchi sono dei legittimi proprietari. Non si intende sponsorizzare alcuna casa produttrice ed alcun marchio.
Si ricorda inoltre che secondo l’articolo 46 L.29/12/1990 il fumo nuoce gravemente alla salute.

Massimiliano R.

Informazioni su Massimiliano R.

Fumo dal 2001, non sono un esperto, ho un palato d'amianto. Ho attraversato molte fasi da fumatore lento, c'e' sempre qualcosa da scoprire, non bisogna fermarsi alle convinzioni altrui ma crearne di proprie, sempre pronti a cambiare idea pero'.

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.